Pag 39: Dialogo aperto
stampa

Fatti e opinioni

Muro contro muro

La lotta politica si inasprisce ogni giorno di più senza che si vedano segnali di ripensamento da parte di nessuna delle parti in lotta. Il tutto però avviene di fronte ad un paese sempre meno coinvolto nella lotta fra gli estremisti dei due schieramenti, come dimostra fra il resto il costante 40% di estranei alla volontà di partecipazione elettorale che continuano a rilevare i sondaggi.

Nessun evento riesce a modificare un clima che si fa sempre più greve. La questione tutt’altro che semplice di come fronteggiare l’ondata migratoria che fra il resto proviene prevalentemente da un solo paese, la Tunisia, non riesce a basarsi su un consenso ampio: ogni forza politica cerca di sfruttare l’emotività di vario segno che il fenomeno suscita nei vari segmenti dell’opinione pubblica. Berlusconi ha raggiunto il massimo del cinismo quando ha sostenuto senza molto fondamento il dovere dell’ospitalità richiamandosi al fatto che l’Italia è un “paese cattolico”: una adulazione alla ricerca di consensi da una Chiesa sempre più cauta nell’offrire sponde al suo discusso personaggio politico.

Parole chiave: migrazioni (1025), politica (1755), governo (340), giustizia (230)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito