Pag 22: Televisione e cinema
stampa

Proiezioni

Le ombre africane di Olmi

Una chiesa sconsacrata inesorabilmente spogliata dei suoi paramenti, un vecchio prete disperato nel vedere disgregarsi davanti ai suoi occhi quella che per 50 anni è stata la sua casa, un bambino di colore che si affaccia per pochi istanti al portone, facendo entrare un raggio di luce. Nelle prime inquadrature de Il villaggio di cartone, ultimo film di Ermanno Olmi, presentato fuori concorso all'ultima Mostra del Cinema di Venezia, ci sono tutti gli elementi della storia che il regista si accinge a raccontare: la crisi della fede, intesa come adesione formale e spesso vuota ad una religione, l'immigrazione, lo scontro e l'incontro razziale e generazionale.

Parole chiave: religione (463), fede (663), sacerdozio (52), migrazioni (1021), immigrazione (546), cinema (1216)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito