Pag 36: Agricoltura per tutti
stampa

Il riconoscimento della Dop (denominazione di origine protetta) da parte dell’Unione Europea arriva in un momento critico per il più antico e tipico frutto del Basso Sarca

Quale futuro per la susina di Dro?

Sette anni sono molti per completare il percorso che porta alla Dop. Sappiamo che la trafila è più o meno la stessa per tutti i prodotti. Anzi diventerà più impegnativa e irta di ostacoli dopo che l’Unione europea ha voluto assumere in esclusiva la gestione delle denominazioni, lasciando agli Stati membri solo il compito di raccogliere le domande e la documentazione di supporto. La DOP può rappresentare però il punto di partenza per la valorizzazione commerciale di un prodotto. Vale la stessa ipotesi per la susina di Dro?

Parole chiave: frutticoltura (135), agricoltura (2176), Dop (26)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito