Pag 21: Scuola e cultura
stampa

Un aspetto del pensiero di Rosmini ancora attuale

Così vedeva fede e scienza

Padre Muratore, parlando della creazione del mondo, Rosmini distingue tra causa prima e cause seconde e dice che “la divina sapienza usa fare quanto più può per mezzo delle cause seconde”, cosa significa?

Dio (causa prima) crea nell’uomo l’intelligenza e la volontà, ma poi lascia all’uomo (causa seconda) il compito di cercare la verità, costruire ponti e ferrovie, organizzarsi in società. Così l’uomo diventa collaboratore di Dio nel governo dell’universo. Altro esempio, Dio crea le stelle, l’acqua, la terra. Però poi lascia che questi vari elementi agiscano tra di loro liberando energie proprie.

Parole chiave: Dio (2514), scienza (128), fede (656), Rosmini (77), Rovereto (586)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito