anno 90 - n° 43
stampa

Letto per voi

E continuavano a scavare...

La storia è intelligente e ironica tanto nelle parole, quanto nelle interessanti illustrazioni, perfette per un testo dai molti sottointesi. Un libro che diverte e spinge a lavorare con la fantasia e l'immaginazione.

Percorsi: libri - ragazzi
Parole chiave: ragazzi (602), libri (1832), Recensioni (256)

Mac Barnett con le illustrazioni di John Klassen, Sam e Dave scavano una buca, Terre di Mezzo, 2015 – 36 p. - € 15,00 - Età di lettura: da 5 anni

Copertina libro - Letto per voi: Mac Barnett con le illustrazioni di John Klassen, "Sam e Dave scavano una buca", Terre di Mezzo, 2015

Copertina libro - Letto per voi: Mac Barnett con le illustrazioni di John Klassen, "Sam e Dave scavano una buca", Terre di Mezzo, 2015

Non è detto che un libro per bambini debba per forza insegnare qualcosa, anzi. Un libro per bambini può anche solo raccontare una storia, e questo è quello che abbiamo voluto fare. Se poi i bambini, o chiunque legge, ci pensa un po' sopra, tanto meglio!”. Così in un'intervista Marc Barnett, l'autore di “Sam e Dave scavano una buca” (Terre di Mezzo). E così è in questa storia in cui sembra che qualcosa di meraviglioso stia per accadere ad ogni giro di pagina. Ma in realtà non è proprio così. Sam e Dave sono in missione. Devono trovare qualcosa di stupefacente, quindi scavano una buca, e scavano, e scavano, ma alla fine… non trovano niente. Questo, però, in sé, si rivela dopotutto essere un'avventura alquanto spettacolare, in cui il cane, mai nominato ma presente in tutte le pagine, ha un ruolo fondamentale.

Questo albo è un tesoro per i lettori più attenti e osservatori perché non è scontato. La sua preziosità sta nel testo apparentemente semplice (ciò che i protagonisti e il lettore sanno) e le immagini (ciò che i protagonisti non vedono, ma il lettore sì). La storia è intelligente e ironica tanto nelle parole, quanto nelle interessanti illustrazioni di John Klassen, perfette per un testo dai molti sottointesi. Piccoli disegni e ampi spazi solo apparentemente vuoti. Questi spazi, infatti, sono pieni di umorismo visuale che veicola significato facendo muovere gli occhi sulla pagina. Una storia dal finale aperto, dai mille finali, e senza nessun finale. Un libro che diverte e spinge a lavorare con la fantasia e l'immaginazione.

E continuavano a scavare...
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento