anno 90 - n° 47
stampa

Incidente al confine con la Siria

Russia-Turchia, la guerra è nell'aria

Martedì 24 novembre un bombardiere russo viene abbattuto da caccia turchi al confine con la Siria. “Un atto di guerra - spiega Francesco Martino, giornalista di Osservatorio Balcani e Caucaso – che rappresenta un'escalation importante”.

Percorsi: conflitto - Russia - Turchia
Parole chiave: Russia (51), conflitto (143), Turchia (63)
Bruxelles (Belgio) - Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg,  riferisce ai media al termine dell'incontro straordinario con i rappresen...

Bruxelles (Belgio) - Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, riferisce ai media al termine dell'incontro straordinario con i rappresentanti dei 28 paesi dell’Alleanza atlantica all'indomani dell'abbattimento di un bombardiere russo al confine turco-siriano. - 24/11/2015 - Nato-Otan

“Un incidente grave”, scandisce gravemente il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. “Un incidente serio”, riconosce il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, riferendo il 24 novembre in conferenza stampa (nella foto) al termine dell'incontro straordinario a Bruxelles con i rappresentanti dei 28 paesi dell’Alleanza atlantica convocato su richiesta della Turchia dopo l'abbattimento, quella stessa mattina, di un bombardiere russo da parte di caccia turchi. “Ha violato lo spazio aereo turco”, afferma Ankara. Nient'affatto, risponde Mosca, il velivolo era nello “spazio aereo siriano”.

Da Stoltenberg arriva un appello alla calma e alla “de-escalation” dopo l’abbattimento del jet russo, a cui è seguita la morte, per mano di forze ribelli, di uno dei due piloti e di un altro soldato russo, incaricato della ricerca dei primi due e costretto a un atterraggio di emergenza. La Nato è solidale con l'alleato turco e ne sostiene “l’integrità territoriale in seno alla Nato”. Mosca cancella la prevista visita in Turchia del ministro degli esteri, Sergey Lavrov. Il presidente russo Putin parla di “coltellata alla schiena”, quello americano Obama parla di diritto di Ankara a difendere i propri confini.

L’incidente è il più grave dall’inizio dei bombardamenti russi in Siria, cominciati a settembre e si iscrive in un quadro di tensioni crescenti tra Mosca, alleato del presidente siriano Bashar al Assad, e Ankara, schierata dalla parte dei gruppi ribelli che vogliono rovesciarlo.

Così gli aerei Nato intercettano gli aerei nemici

Come funziona un'intercettazione aerea? E quanto ci vuole per  il decollo immediato di caccia intercettori ("scramble" in gergo tecnico)? Gli aerei da caccia della Nato/Otan svolgono quasi quotidianamente missioni per intercettare. Servono velocità, efficienza e comunicazioni efficaci. In questo video (in inglese) il Commodoro Dean Andrew spiega le cinque fasi di una missione di intercettazione.

“Un atto di guerra come questo - spiega Francesco Martino, giornalista di Osservatorio Balcani e Caucaso – rappresenta un'escalation importante. E' molto difficile prevedere gli effetti di questo incidente, è evidente che la situazione è estremamente tesa. E' forse la prima volta in cui forze armate di un Paese membro della Nato abbattono in azione un jet russo”. “La Turchia – prosegue Martino – è in qualche modo un Paese in guerra, è impegnata nel conflitto siriano e sul proprio suolo ospita 2 milioni di profughi siriani”.

(ha collaborato Sara Marcolla)

Russia-Turchia, la guerra è nell'aria
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento