anno 91 - n° 05
stampa

IL FILM - Revenant

Sulla frontiera tra la morte e la vita

La natura, l’avidità umana, l’integrazione, l’odio e l’amore, la vendetta: tutti temi viscerali e primordiali che fanno di questo film una vera e propria esperienza.

The Revenant

Alejandro González Iñárritu

Interpreti: Leonardo DiCaprio, Tom Hardy, Domhnall Gleeson, Will Poulter, Melaw Nakehk'o

Azione/Avventura Usa 2016

consigliato: da 16 anni 

Percorsi: cinema - film
Parole chiave: cinema (1214)
"Revenant" (2016) - Leonardo di Caprio è Hugh Glass nella direzza estrema del Far North americano a inizio Ottocento.

"Revenant" (2016) - Leonardo di Caprio è Hugh Glass nella direzza estrema del Far North americano a inizio Ottocento.

Dopo l’Oscar per Birdman, l’anno scorso, il regista messicano Alejandro Iñárritu, quello di Babel e 21 grammi, fa di nuovo il colpaccio con Revenant, girando un film di sorprendente potenza visiva che catapulta lo spettatore nel mezzo della natura incontaminata del South Dakota a inizio Ottocento.

Siamo all’inizio di tutto, prima ancora del “classico” mito del West: l’uomo è parte intrinseca della natura, è come un animale, o come un torrente, e quindi solo chi si armonizza riesce a sopravvivere.

E quest’uomo è Hugh Glass, esperta guida dei cacciatori di pelli nella incontaminata frontiera nordamericana, interpretato da un intenso e trasfigurato Di Caprio, nominato agli Oscar per la quinta volta: che sia la volta buona?

Il film racconta l’epopea di Glass, e i suoi sentimenti puri: come è stato abbandonato dai compagni che credeva amici, e come ha trovato la forza di sopravvivere in cerca di vendetta.

Ma oltre alla narrazione (o forse ancora di più) al regista messicano interessa la visione pura, e tutto il film diventa una vera meraviglia per lo spettatore che quasi in soggettiva compie un’odissea smisurata insieme al protagonista che, in una scena memorabile, viene assalito da un enorme grizzly che lo lascia più morto che vivo. Proprio per questo, il cinico John Fitzgerald, interpretato da un ottimo Tom Hardy, dopo avergli pugnalato a morte il figlio meticcio, lo abbandona in una fossa.

E a questo punto Glass diventa “Revenant”: resuscita da quella fossa, striscia per terra, si rifugia nella carcassa di un cavallo morto, si nutre di pesce crudo e carne di bisonte, incontra indiani guaritori e indiani che praticano lo scalpo e alla fine arriva al campo dei cacciatori di pelli per vendicare il figlio.

L’estro e il virtuosismo di Iñárritu crea un personaggio e un film davvero mitico, fatto tutto di luce naturale: un mito che ingloba e fonde il personaggio con la natura e nello stesso tempo proietta lo spettatore nella carne e nelle ossa di Glass, tanto da fargli percepire persino il respiro che appanna lo schermo. Il delirio della macchina da presa conduce fino alla potente scena del duello finale e al poetico primo piano di Glass/Di Caprio che chiude il film lasciando la vendetta nelle mani della natura, o di Dio.

La natura, l’avidità umana, l’integrazione, l’odio e l’amore, la vendetta: tutti temi viscerali e primordiali che fanno di questo film una vera e propria esperienza.

Assolutamente da vedere.

Sulla frontiera tra la morte e la vita
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento