anno 91 - n° 14
stampa

IL SALUTO – Un Giovedì Santo con la cattedrale gremita

“Grazie, grazie, e ancora grazie!”

Un Giovedì Santo di riconoscenza, attorno al proprio pastore. Così la Chiesa di Trento ha vissuto in questo 2016 la Messa del Crisma salutando ufficialmente l’Arcivescovo Luigi Bressan che domenica 3 aprile ne lascerà la guida al suo successore monsignor Lauro Tisi.

Parole chiave: Chiesa (6385), diocesi di Trento (2168), discepoli (2)
Il crocifisso fiemmese donato a mons. Bressan. Foto Zotta

Con le parole di mons. Tisi, il grazie della diocesi all'Arcivescovo Luigi Bressan per i suoi 17 anni di episcopato

Un Giovedì Santo di riconoscenza, attorno al proprio pastore. Così la Chiesa di Trento ha vissuto in questo 2016 la Messa del Crisma salutando ufficialmente l’Arcivescovo Luigi Bressan che domenica 3 aprile ne lascerà la guida al suo successore monsignor Lauro Tisi. E’ stato proprio il vescovo eletto, insieme a due laici, ad esprimere, a nome di tutta la Chiesa trentina, un sincero e ripetuto “grazie” al pastore che l‘ha guidata negli ultimi 17 anni, dal suo ingresso il 30 maggio 1999.

La solenne liturgia, simbolo dell’unità della Chiesa attorno al vescovo, è stata partecipata da circa trecento fra preti e religiosi e centinaia di laici, comprese le autorità civili: il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, l’assessore provinciale Tiziano Mellarini a nome del presidente Rossi e le presidenti del Consiglio regionale Chiara Avanzo e del Consiglio comunale Lucia Coppola.

La Messa del crisma ha visto la benedizione degli olii santi per l’unzione dei catecumeni (chi si prepara al battesimo) e degli infermi (ammalati o morenti) e l’olio del crisma, utilizzato per amministrare sacramenti come battesimo e cresima (significativa la presenza in duomo di centoventi giovani cresimandi provenienti dalle vallate trentine, in particolare dalla val di Sole e da Volano) ma anche nelle ordinazioni di preti e vescovi. Non a caso lo stesso monsignor Tisi ha portato oggi all’altare l’ampolla con gli aromi per profumare proprio l’olio del crisma.

Rivolto poi ai confratelli preti, chiamati in questo giorno a rinnovare le promesse sacerdotali, Bressan ha precisato di aver incontrato tra loro, nei suoi diciassette anni di ministero, una “dedizione che talvolta – ha detto – è veramente eroica, come ho constatato in molte visite pastorali. Mi siete stati di esempio, di aiuto e stimolo a crescere nella risposta all’amore di Dio”.

“Il giorno della mia nomina a vescovo – ha aggiunto Bressan rivolgendosi tutti i fedeli – ho sentito che era una chiamata ad essere più santo: non in un pietismo che molte agiografie ci presentano, ma in quel servizio totale al bene altrui, cioè nella carità pastorale che la sequela di Cristo comporta. A mio giudizio non ci sono riuscito, ma so di poter contare sulla misericordia di Dio e sulla vostra comprensione”.

Dopo la comunione, ha preso la parola il vescovo eletto: “Essere discepoli della Pasqua – ha detto con forza monsignor Tisi – è credere in modo irrevocabile che questa storia è nelle mani della vita e del bene. Grazie a lei vescovo Luigi perché in questi anni ci ha insegnato a usare il segno “più” anziché il segno “meno”, a guardare il positivo più che il negativo, a pazientare e avere uno sguardo ampio, aperto ai confini del mondo. Grazie, grazie, e ancora grazie!”. E con lo sguardo al ministero che l’attende, monsignor Lauro ha concluso: “Pregate per me, perché io possa essere un piccolo segno dell’amore di Dio in mezzo a voi”.

A nome dei laici, il saluto a Bressan è arrivato da Cecilia Niccolini e Pierino Martinelli, entrambi delegati della Diocesi al recente convegno ecclesiale di Firenze (vedi sotto). Infine un dipendente dell’Arcidiocesi (Luciano Oberosler) e una religiosa suor Eleonora Ciaghi) hanno donato al vescovo Luigi un crocifisso artistico in legno, proveniente dalla val di Fiemme.

Nel corso della S. Messa, ricordati i preti trentini che celebrano quest’anno importanti anniversari della loro ordinazione: quattro raggiungono i venticinque anni, diciannove i cinquant’anni, quattordici i sessant’anni, mentre tre traguardano addirittura i settant’anni di ministero. La festa per monsignor Bressan si è conclusa con un pranzo fraterno in Seminario, con quasi duecento partecipanti.

“Grazie, grazie, e ancora grazie!”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento