anno 91 - n° 32 - Siamo tutti p. Jacques
stampa

Don Lusek, cappellano della squadra olimpica italiana: una "presenza discreta" segno della vicinanza della Chiesa

“Un passo dietro agli atleti...”

Preferisce definirsi una “presenza amica” per tutti, atleti, tecnici e dirigenti, più che un "coach dell'anima”, una presenza “non invasiva”, ma discreta e riservata, don Mario Lusek, cappellano sportivo della squadra olimpica italiana a Rio.

Parole chiave: sport (3112), fede (668), Rio2016 (14), Olimpiadi (80)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito