anno 92 - n° 22 - Bilanci di salute
stampa

Si è aperto mercoledì il festival che racconta l'altra faccia dell'economia

Proviamo ad andare... oltre

OltrEconomia Festival racconta così l’altra faccia dell’economia dando voce a una società civile che, attraverso la mobilitazione e la partecipazione, vuole darsi strumenti attivi per la costruzione di politiche economiche alternative.

Parole chiave: economia (1152), OltrEconomia (7)
La conferenza inaugurale della quarta edizione di OltrEconomia Festival, al Parco S. Chiara di Trento mercoledì 31 maggio

Al Parco S. Chiara a Trento fino al 4 giugno per costruire politiche economiche alternative, attraverso la mobilitazione e la partecipazione

L'immagine simbolo di OltrEconomia Festival 2017, sul tema "Corpi e territori".

L'immagine simbolo di OltrEconomia Festival 2017, sul tema "Corpi e territori".

Un tronco robusto dalle fronde ramificate che sfumano in un viso di giovane donna, dall'espressione serena: la chioma dell'uno e dell'altra si confondono fino a costituire un tutt'uno. L'immagine scelta a simbolo di OltrEconomia Festival esprime felicemente l'idea forte di questa quarta edizione, che si è aperta mercoledì sera a Trento, al Parco S. Chiara: tenere insieme corpi e territori. Corpi: le persone che con le loro idee e le loro azioni promuovono una riorganizzazione delle produzioni e dei consumi a partire dai territori e dalle loro vocazioni, avendo (chiara) la visione di un mercato disposto a rispondere a criteri di responsabilità e compatibilità sociale e ambientale. Territori: dove quelle persone vivono, lavorano, si impegnano, spesso lottando contro una visione, un'economia, un mondo dominati dall’economia turboliberista delle lobby e delle multinazionali che vorrebbero rimuovere ogni limite e ogni controllo al mercato e al commercio internazionale.

OltrEconomia Festival racconta così l’altra faccia dell’economia dando voce a una società civile che dà segni evidenti di avere bisogno, attraverso la mobilitazione e la partecipazione, di strumenti attivi per la costruzione di politiche economiche alternative.

Per quattro giorni economisti, scrittori, sociologi, artisti, attivisti contrapporranno alle economie disuguali e alla violenza del potere la visione femminile e quella dei movimenti dal basso. Orizzontalità, cooperazione, solidarietà, creatività sono le quattro parole chiave, che al Parco S. Chiara verranno tradotte in proposte politiche capaci di produrre un cambiamento nelle economie e nella società. Come si è visto mercoledì sera, negli interventi di Italo Di Sabato dell'Osservatorio Repressione e dell'economista Monica Di Sisto che hanno aperto questa edizione con una riflessione sulla libertà e sulla giustizia sociale in questo tempo di arrembanti populismi. "I soggetti dell'economia liberal sono sempre meno. Questi non corpi fatti di flussi di finanza e di qualche rimasuglio di economia vecchia, ancora ancorata all'estrattivismo", ha detto Monica di Sisto della Campagna Stop Ttip e vicepresidente di  Fairwatch Italia. "Un iPhone - ha aggiunto, citando uno studio di Oxford - di 600 dollari, ad esempio, vede una distribuzione quasi globale del suo prezzo e della sua costruzione: 200 dollari alla Cina, 100 alla Corea... e ben 326 alla Apple per diritti di proprietà. L'economia 2.0 prevede confini inesistenti, e diritti che si traducono in costi". Stefano Bleggi, uno degli organizzatori dell'Oef, ha ripreso il tema delle migrazioni forzate, "forzate da politiche economiche neoliberiste che falliscono due volte perché producono le migrazioni e poi non riescono a creare condizioni dignitose perché i profughi possano vivere dignitosamente nei paesi che temporaneamente li ospitano".

Ricco il programma. Oltre alle conferenze, ad animare il Festival saranno tavoli di lavoro, presentazioni di libri, proiezione di documentari, laboratori per bambini ed adulti, yoga e spettacoli. Ci limitiamo ad alcune segnalazioni. Giovedì 1 giugno si parla di “rigenerazione urbana”, tema al centro di un dibattito pubblico nazionale e internazionale che si interroga sulle trasformazioni legate al futuro delle città. Alle 16 in una tavola rotonda promossa da LabSOP, impegnato in un progetto di autorecupero di uno spazio abbandonato nel quartiere di Piedicastello, interverranno diverse realtà che, a partire dalla loro esperienza, si confronteranno su come sottrarre spazi alla speculazione edilizia. Da non perdersi al mattino (alle 11) il gioco di ruolo sulle rotte dei migranti a cura del Centro Astalli Trento. Alle 20 è proposto lo spettacolo “Abecedario di resistenza alle grandi opere dannose, inutili e imposte” a cura di WUMING 2, prodotto e ideato da Re:Common. Venerdì 2 la giornata intera è dedicata alle migrazioni e al diritto alla salute, la mattina (alle 11), mentre nel pomeriggio all'analisi dei vari aspetti delle nuove forme di soggettività femminile (alle 16 con la “merenda letteraria” e alle 16.30 con la conferenza “Un altro genere: rapporti di forza e superamento delle disuguaglianze”). Sabato 3 si dà voce alle esperienze, dalla Campania alla Val di Susa, di chi da anni si impegna contro lo sfruttamento del territorio per la difesa dei beni comuni, della democrazia e dell’ambiente.

Le campagne

Nel corso del Festival verrà sostenuta la campagna Stop Glifosato (Inziativa dei Cittadini Europei - ICE), che chiede al Governo italiano e ai Ministri competenti, in assenza di pareri univoci sul piano scientifico sulla cancerogenicità del glifosato, di applicare il principio di precauzione vietando i prodotti fitosanitari a base dell’erbicida, e alle Regioni e alle Province autonome di rimuovere il glifosato da tutti i disciplinari di produzione. Fari accesi anche sulla imminente mobilitazione contro l’approvazione del Trattato di libero commercio CETA, e sugli altri appuntamenti, come il G7 e il G20, che a livello nazionale e internazionale i movimenti sociali hanno in agenda

Tutta la giornata di sabato è dedicata alla Festa dei “Gas” - Gruppi di acquisto solidale di Trento. Alle 11 il dibattito “Nutrire Trento” che propone un patto virtuoso tra produttori agricoli e consumatori consapevoli. Dalle 14 alle 19 la mostra mercato dei produttori biologici e fornitori dei “Gas”. Alle 14.30 il workshop “Chi controlla la qualità del territorio?”. Alle 17.30 la conferenza “Conflitti ambientali e comunità resistenti”. Domenica 4 alle 15 presentazione del libro “Il grande Iran” di Giuseppe Acconcia (ed. Exòrma) e dell'inchiesta giuridica sugli effetti dell’accordo Ue-Turchia “La merce siamo noi – Io non ho sogni” di Andrea Panico.

Tutti i giorni è in funzione la “BiOsteria Alla Cuoca Rossa, da Clara” con piatti vegani a base di prodotti biologici e stagionali, il laboratorio di pizza, il servizio bar e “colazioni da Zap(p)ata” a cura dell’associazione Richiedenti Terra.

Ci piace

OltrEconomia Festival è completamente autofinanziato e autogestito. Questo significa che la realizzazione dell'evento è possibile solo grazie alle persone che mettono a disposizione il loro tempo gratuitamente e a una rete di sostenitori che finanzia il festival attraverso le donazioni. Per informazioni: www.oltreconomia.info

Proviamo ad andare... oltre
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento