anno 92 - n° 29 - Cantiere aperto
stampa

Il tagliacarte

Uno schiaffo in faccia

Suona come uno schiaffo in faccia alle speranze di migliaia di aspiranti “nuovi italiani” il rinvio sine die della legge sulla cittadinanza.

Parole chiave: lentezza (4), tempo (82)

Suona come uno schiaffo in faccia alle speranze di migliaia di aspiranti “nuovi italiani” il rinvio sine die della legge sulla cittadinanza. Sulle ragioni – o sragioni – politiche che hanno determinato lo slittamento del provvedimento che avrebbe introdotto una forma di “ius soli” temperato – offrendo certezze a ragazzi e ragazze figli di immigrati presenti da anni in Italia - si sofferma con chiarezza di esposizione Paolo Pombeni a pagina 31. Non si può non concordare con il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, che in un editoriale ha scritto che il rinvio “è il risultato amaro della propaganda meschina e a tratti odiosa” scatenata “sul piano politico e mediatico”. Di vittoria “dell’indecisione e dell’incapacità di risolvere i problemi reali del Paese” parla mons. Gian Carlo Perego, direttore pro-tempore della Fondazione Migrantes e arcivescovo di Ferrara-Comacchio: “Dietro questo rinvio c’è la paura di affrontare un tema che certamente divide la società civile, che è, però, in democrazia un tema sul quale i politici non possono che essere responsabili”.

Uno schiaffo in faccia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento