anno 92 - n° 48 - "Ai profughi il mio premio"
stampa

Parla la dottoressa Alganesh Fessaha

“E’ un premio a tutti i profughi”

“Questo è un premio non solo alla mia persona, ma a tutti i profughi: a quelli che ce l’hanno fatta, a quelli che sono morti nel Mediterraneo, e a quelli morti nel deserto”. Da Roma, nei momenti un po’ convulsi ma eccitanti della proclamazione dei vincitori – anzi, delle vincitrici – del Premio del Volontariato Internazionale Focsiv 2017, la dottoressa Alganesh Fessaha ripercorre ai microfoni di radio Trentino inBlu i lunghi anni di impegno suo e dell’associazione Gandhi per tenere accesa la luce sui drammi del fenomeno migratorio.

Parole chiave: Alganesh Fessaha (6), migrazioni (1022), Libia (34), Etiopia (51), Eritrea (39)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito