anno 93 - n° 16 - Un milione di nomi
stampa

Gli studi di radio Trentino inBlu danno voce alla parte conclusiva del progetto "Radio Memoriae" : la registrazione e la realizzazione delle puntate. Completato il montaggio in onda arriveranno 10 storie davvero da conoscere ed approfondire.

Radio Memoriae racconta i testimoni di pace

Radio Memoriae è un progetto ideato ed organizzato da Acli Trentine, Associazione 46° Parallelo, Forum Trentino per la pace e i diritti umani, USPID, in collaborazione con la Studio d’Arte Andromeda, Sanbaradio, Radio Trentino in Blu. L’iniziativa è stata sostenuta dal CSV- Non Profit Network, dalla Fondazione Caritro, dall’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia Autonoma di Trento e del Comune di Trento.

Parole chiave: Radio (520), scuola (2300), giovani (2205)

Radio Memoriae, progetto radiofonico dedicato ai giovani, torna e racconta 9 uomini e donne di pace. La prima puntata in onda su radio Trentino inBlu il 25 aprile

Radio Memoriae, progetto radiofonico dedicato ai giovani, torna e racconta 9 uomini e donne di pace. La prima puntata in onda su radioTrentino inBlu...

Radio Memoriae, progetto radiofonico dedicato ai giovani, torna e racconta 9 uomini e donne di pace. La prima puntata in onda su radioTrentino inBlu il 25 aprile

Al via la seconda edizione di Radio Memoriae, progetto nato nel 2014. O meglio a giorni la seconda edizione arriverà anche in radio, ma per i ragazzi coinvolti da questa nuova proposta il percorso ha preso il via oramai da tempo. Un fitto via vai in questi giorni negli studi di radio Trentino inBlu ha segnato il momento del progetto dedicato alla parte finale del percorso: la registrazione e la realizzazione delle puntate radiofoniche. Completato il montaggio in onda arriveranno dieci storie da conoscere ed approfondire.

Dedicato a “Volti di pace” quest’anno Radio Memoriae ha voluto offrire la possibilità a un gruppo di giovani di conoscere intimamente le storie di questi "volti di pace". Uomini e donne che nei contesti geografici e storici più svariati sono stati in grado di opporsi con metodi nonviolenti a situazioni di dittatura, discriminazione e violenza. Uomini e donne capaci di fare la differenza tramite un impegno civile, con coraggio e determinazione: Abdul Ghaffār Khān, Adolfo Maria Perez Esquivel, Aldo Capitini e Pietro Pinna, Danilo Dolci, Ellen Johnson Sirleaf, Ibrahim Rugova, Leyla Zana, Liu Xiaobo e Shirin Ebadi.

I partecipanti, tutti ragazze e ragazzi tra i 15 e i 20 anni, hanno raccontato storie che meritavano di uscire dai cassetti della storia e rendere noto a tutti cosa può fare un “semplice” essere umano. Utilizzando due strumenti diversi: la radio e le arti grafiche. In arrivo ci sono dunque dieci puntate di un programma radiofonico (una puntata di “raccordo” e 9 puntate “personaggio”) e dieci targhe da apporre nei corridoi delle scuole.

Un percorso articolato, iniziato a fine novembre, che ha visto i ragazzi coinvolti in diversi momenti formativi, con incontri di avvicinamento al giornalismo radiofonico e alle arti grafiche gestiti da esperti e giornalisti di grande esperienza: Emanuele Giordana, Giulia Laura Ferrari, Beatrice Taddei Saltini, Nicola Pifferi e Michele Citarda e Luigi Penasa. I ragazzi hanno potuto approfondire le competenze in ambito giornalistico, radiofonico e artistico, realizzando la struttura delle puntate e le targhe esplicative.

Poi le registrazioni e la produzione artistica. Non resta che attendere la messa in onda: la prima puntata sarà on air il 25 aprile su Trentino inBlu e su Sanbaradio. L’appuntamento sarà poi sulla radio diocesana tutti i lunedì e mercoledì alle 11.05. E, ovviamente, tutte le puntate saranno riascoltabili in podcast.

Radio Memoriae racconta i testimoni di pace
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento