anno 93 - n° 38 - L'imbuto
stampa

Il commissario capo Vescovi della polizia locale di Trento

Vescovi: “Il vero problema è la velocità”

Al di là dei singoli episodi, dietro i numerosi incidenti in tangenziale c'è sempre un unico colpevole: l'eccesso di velocità. A testimoniarlo è il comandante capo della polizia locale di Trento, Pierangelo Vescovi, al lavoro sulle strade trentine dal 1993.

Parole chiave: polizia locale (8), tangenziale (9), auto (493), mobilità (237)
Trento - Polizia locale all'opera sulla tangenziale. - 2018 - GIanni Zotta

Trento - Polizia locale all'opera sulla tangenziale. - 2018 - GIanni Zotta

Al di là dei singoli episodi, dietro i numerosi incidenti in tangenziale c'è sempre un unico colpevole: l'eccesso di velocità. A testimoniarlo è il commissario capo della polizia locale di Trento, Pierangelo Vescovi, al lavoro sulle strade trentine dal 1993.

Quali sono i punti più pericolosi della tangenziale?

“Dopo aver risolto il problema dell'invasione di corsia costruendo gli spartitraffico, il vero pericolo sta nella velocità soprattutto nelle gallerie di Piedicastello e di Martignano. Lì il limite è dei 70 chilometri all'ora ma non viene rispettato. Stessa cosa per il viadotto di Ravina dove, pur essendoci una discreta viabilità, alcune persone pensano ci sia una doppia corsia e sorpassano. Un'altra casistica importante è quella di chi proviene da sud in prossimità dello svincolo, non riesce a frenare e sbatte contro la cuspide. Il punto è che la tangenziale è una strada a scorrimento urbano, non deve essere scambiata per un'autostrada”.

Crede che le caratteristiche strutturali abbiano un qualche peso negli incidenti?

“Questo non sta a me stabilirlo. Forse qualche svincolo di dimensioni ridotte può creare dei rallentamenti, così come le corsie di immissione brevi possono creare qualche difficoltà in determinate ore ma, ripeto, il vero problema è la velocità. Il rispetto dei limiti – 70 o 90 chilometri all'ora a seconda dei tratti – è il modo migliore per garantire la sicurezza e diminuire gli effetti degli incidenti. Dobbiamo pensare che dietro a ogni cartello c'è sempre un ragionamento”.

La presenza di autovelox fissi può fare da deterrente all'alta velocità?

“Sarò impopolare, ma i velox sono un mezzo per garantire la sicurezza, non per fare cassa. Attualmente noi riusciamo ad uscire con la pattuglia al massimo 5-6 volte al mese. A questo aggiungiamo il controllo dinamico: quando si vede la nostra auto, istintivamente si rispettano i limiti. L'anno scorso abbiamo emesso 2.500 sanzioni per eccesso di velocità, 1.800 delle quali in tangenziale. Se si potessero avere apparecchi fissi la situazione migliorerebbe perché la loro presenza costringe l'automobilista a rallentare”.

Vescovi: “Il vero problema è la velocità”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento