anno 94 - n° 04 - Servizio alla vita
stampa

Sci di fondo

Marcialonga, dominio nordico ma la vera vittoria è dell'organizzazione

Petter Eliassen non è un personaggio, non esulta nemmeno alzando le braccia, quasi intimorito dalle luci dei riflettori. Petter Eliassen è molto di più, è un faticatore silenzioso, uno che si rimbocca le maniche, un po’ come lo sono i fiemmesi e fassani, capaci di risalire in sella realizzando tutti i 70 chilometri della Marcialonga di Fiemme e Fassa dopo il violento uragano di fine ottobre e un inverno fino a pochi giorni fa praticamente privo di precipitazioni nevose. Dopo quella del norvegese che ha infilato la corona d'allora dopo 2 ore e 45 minuti di gara, è questa la vera vittoria della 46^ edizione.

Parole chiave: Territorio (20127), sport (3085), Marcialonga (71), neve (161), sci di fondo (34)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito