anno 94 - n° 05 - Il fisioterapista nelle mani di Dio
stampa

Con “Futuro anteriore” la cooperativa Kaleidoscopio propone un interessante trittico di incontri su questo tempo della vita

La vecchiaia senza tabù: l'8, 15 e 22 febbraio tre incontri con Kaleidoscopio

Riflette sull’approccio all’anzianità“Futuro anteriore - quando saremo invecchiati”, un interessante trittico di incontri proposto dalla cooperativa Kaleidoscopio.

Parole chiave: anziani (1268), terza età (108), cooperazione sociale (77), Kaleidoscopio (4)
Anziana gioca con il tablet.

Anziana gioca con il tablet.

“La giovinezza è sopravvalutata”, dice l’attore Paolo Hendel nel titolo del suo ultimo libro che presenterà a Trento venerdì 8 febbraio alle 18 presso la sala della Fondazione Caritro in via Calepina. Spesso però è anche la vecchiaia ad essere sottostimata, oltre che negata e rifiutata con ogni mezzo possibile da chi vi si avvicina con lo scorrere inesorabile degli anni, in un’Italia dove invece l’età media della popolazione è sempre più alta ed il ricambio generazionale è un concetto scarsamente applicato in ogni ambito, dal lavoro alla politica.

Un tema certamente importante che prima o poi finisce per coinvolgere tutti, quello dell’approccio all’anzianità, dal quale parte la riflessione alla base di “Futuro anteriore - quando saremo invecchiati”, un interessante trittico di incontri che la cooperativa Kaleidoscopio proporrà, ad ingresso gratuito, venerdì 8, 15 e 22 febbraio dalle ore 18 sempre presso la sala della Fondazione Caritro.

Lo scopo è quello di parlare della terza età senza tabù, affrontando tematiche spinose ed esistenziali con leggerezza ed ironia, attraverso le esperienze, i racconti ed i pensieri di una serie di ospiti di caratura nazionale. Chi meglio di Paolo Hendel poteva aprire la serie con la sua ultima fatica letteraria dal titolo, appunto, “La giovinezza è sopravvalutata. Il manifesto per una vecchiaia felice” (Rizzoli, 2018), scritta assieme a Marco Vicari? Il testo prende spunto da un divertente episodio recentemente vissuto dal noto attore toscano, scambiato per un paziente dalla geriatra che doveva visitare l’anziana madre. Hendel lo sviluppa unendo con sapienza la sua innata comicità a dissertazioni più profonde.

Venerdì 15 febbraio invece sarà la volta di “La memoria del futuro”, con il medico e giornalista Pierdante Piccioni, che assieme a Fabio Benefati, docente di Neurofisiologia all’Università di Genova, presenterà il suo “Meno dodici. Perdere la memoria e riconquistarla: la mia lotta per ricostruire gli anni e la vita che ho dimenticato”, opera autobiografica che ripercorre il tentativo di recuperare i ben dodici anni cancellati dalla sua memoria a seguito di un grave incidente d’auto e un breve periodo di coma, con tutte le difficoltà di adattamento ai cambiamenti a cui lo ha costretto questa sorta di personale “viaggio nel tempo”.

La rassegna si chiude venerdì 22 febbraio con “Invecchiano solo gli altri”, di Luca Borzani del quotidiano La Repubblica e Marco Aime, antropologo, che, intervistati dalla giornalista Rai Elisa Dossi, rifletteranno su tempi e modi dell’invecchiamento e sull’incontro-scontro generazionale in atto, tra giovani focalizzati solo sul presente e anziani che faticano a cedere ruoli e responsabilità alle nuove leve.

Imperdibile momento di apertura e filo conduttore di tutti e tre gli incontri sarà l’incursione teatrale di TrentoSpettacoli, una vera e propria serie a puntate scritta e diretta da Maura Pettorruso con Federica Chiusole, anche interprete assieme a Stefano Pietro Detassis.

“Kaleidoscopio si confronta ogni giorno con l’anzianità, attraverso gli utenti, i loro figli e le loro famiglie -spiega Michele Odorizzi, presidente della cooperativa sociale promotrice dei tre incontri -. Ne conosciamo bene i problemi e le crisi, ma anche le peculiarità e la ricchezza. Con questa iniziativa vogliamo provare a riflettere su quel tempo della vita, per sfatarne i miti e parlarne a viso aperto, in un confronto ampio che, con la giusta informalità, ci porti però a ragionare su quel ‘futuro anteriore’ in una dimensione personale, fondamentale per affrontarlo e progettarlo al meglio”.

La vecchiaia senza tabù: l'8, 15 e 22 febbraio tre incontri con Kaleidoscopio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento