anno 94 - n° 30 - "La paura non ci blocchi"
stampa

IL DIBATTITO

Giovani, cosa cambia dopo la “Christus vivit”

Sono passati già quattro mesi dalla pubblicazione del testo postsinodale ma la parola di Papa Francesco ai giovani e con i giovani non ha ancora “bucato” i media laici e merita di essere rilanciata. Forse perché è un testo corposo, straripante, difficilmente sintetizzabile: ci hanno provato Vita Trentina e Avvenire in Primiero nel dibattito del 25 luglio all’oratorio di Pieve con la voce di due esperti - Matteo Liut, “inviato” fra i giovani del quotidiano cattolico e Gioele Anni, pure giornalista, leader di Azione Cattolica e uditore al Sinodo dei giovani – che hanno provato a sintetizzare la “Christus vivit” in un tweet (lo riportiamo a parte) di appena 280 caratteri.

Parole chiave: chiesa (6427)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito