anno 94 - n° 38 - L'Amazzonia non aspetta
stampa

Dopo lo Sciopero per il clima, assemblea del movimento il 4 ottobre al parco S. Chiara

FFF, l'onda verde non si arresta

Dopo il successo dello Sciopero globale per il clima, l'impegno del movimento “Fridays for Future” non si arresta. A Trento i giovani che hanno raccolto il grido d'allarme dell'attivista svedese Greta Thundberg per lo stato di salute del pianeta si ritroveranno venerdì 4 ottobre alle 15 al parco Santa Chiara di Trento per un'assemblea pubblica.

Parole chiave: cambiamento climatico (92), clima (302), ambiente (1341), ecologia (163), Fridays for Future (4)
Lo Sciopero per il clima venerdì 27 settembre a Trento. Foto Zotta

Dopo il successo dello Sciopero globale per il clima, che ha portato nelle piazze di tutto il mondo un milione di giovani – ben 8 mila nella sola città di Trento: "Block the City", si erano ripromessi, e così è stato -, l'impegno del movimento “Fridays for Future” non si arresta. A Trento i giovani che hanno raccolto il grido d'allarme dell'attivista svedese Greta Thundberg per lo stato di salute del pianeta si ritroveranno venerdì 4 ottobre alle 15 al parco Santa Chiara di Trento per un'assemblea pubblica. Un'occasione per dare concretezza agli slogan lanciati venerdì scorso - come "Make the World Great Again". "Facciamo nuovamente grande il mondo", parafrasando lo slogan autarchico del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump – e agli appelli per l'Amazzonia e a rivedere le scelte di consumo, rinunciando ai combustibili fossili e alla plastica.

Di cambiamenti climatici si è parlato anche al Centro per la cooperazione internazionale, dove il Tavolo regionale “Giovani narratori” (promosso nell'ambito del progetto nazionale di Educazione alla Cittadinanza Globale finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo) ha dibattuto sui grandi temi dei cambiamenti climatici, migrazioni e cooperazione internazionale, elaborando un documento di raccomandazioni per una cooperazione territoriale e una educazione alla cittadinanza globale, individuando i bisogni principali del nostro territorio per i quali si ritiene urgente un'azione da parte delle istituzioni.

All’incontro erano presenti rappresentanti del mondo della scuole e Università, oltre che della ricerca, ed anche amministratori trentini. Tra questi anche Roberto Barbiero, neo responsabile del Tavolo provinciale di coordinamento e di azione sui cambiamenti climatici.

C'era anche il vicepresidente della giunta provinciale e assessore provinciale all’ambiente, Mario Tonina. “Su temi globali, quali l’ambiente e i cambiamenti climatici, i giovani stanno portando avanti istanze e contributi ai quali la politica deve dare ascolto e, se possibile, rispondere da subito con risposte concrete”, ha detto, richiamando i più recenti interventi della giunta provinciale in materia ambientale, dopo “la lezione” della tempesta Vaia, di fine ottobre 2018.

FFF, l'onda verde non si arresta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento