anno 94 - n° 42 - La memoria e la speranza
stampa

Il “punto” al Museo Ladino

Dall'arte rinascono gli alberi

Un alberello in porcellana per dare una nuova vita ai boschi abbattuti dalla tempesta Vaia. L'iniziativa, presentata ufficialmente martedì 29 ottobre al Museo Ladino, parte da mamma Linda, titolare di un negozio di artigianato, che da questa estate versa all'Asuc (Amministrazione Separata Usi Civici) di Pozza di Fassa un euro e mezzo ogni alberello artistico prodotto nel proprio laboratorio.

Parole chiave: Territorio (20199), Museo Ladino (8), Vaia (22), tempesta (24)

A un anno dalla tempesta il progetto “AlberEL/Il Bosco Incantato” contribuisce al rimboschimento delle aree danneggiate, in particolare della località Sauch in Val San Nicolò

La presentazione del progetto "AlberEL / Il Bosco Incantato" - 29/10/2019

La presentazione del progetto "AlberEL / Il Bosco Incantato" - 29/10/2019

Un alberello in porcellana per dare una nuova vita ai boschi abbattuti dalla tempesta Vaia. L'iniziativa, presentata ufficialmente martedì 29 ottobre al Museo Ladino, parte da mamma Linda, titolare di un negozio di artigianato, che da questa estate versa all'Asuc (Amministrazione Separata Usi Civici) di Pozza di Fassa un euro e mezzo ogni alberello artistico prodotto nel proprio laboratorio.

Il progetto, denominato “AlberEL / Il Bosco Incantato”, nasce quindi dall’idea di contribuire concretamente al rimboschimento delle aree danneggiate, in particolare della località “Sauch” in Val San Nicolò. La società ELEL ha infatti deciso di devolvere all’ASUC di Pozza parte del ricavato della vendita di graziosi alberelli in ceramica prodotti e decorati a mano, contribuendo così ai costi di piantumazione prevista in quella zona fortemente danneggiata dal vento.

“La tempesta Vaia e i danni prodotti ai boschi del Nord-Est hanno profondamente colpito la mia famiglia”, spiga mamma Linda. “Ma più di tutto ci ha impressionato la reazione collettiva della popolazione e dei gruppi di volontariato dopo l'evento. Nel nostro piccolo, non facendo parte di nessuna associazione, abbiamo pensato di renderci utili con la nostra attività. Dopo appena cinque giorni avevamo esaurito la nostra produzione e ho dovuto mobilitare tutti i miei collaboratori per rispondere alla domanda”.

Gli alberelli in porcellana sono pezzi unici, numerati e decorati a mano. Una caratteristica particolare è l'uso di Dolomia per realizzare la vernice che li ricopre. Oltre a veicolare un messaggio dal territorio fa assumere all'oggetto sfumature particolari e uniche.

All'acquirente viene fornita una ricevuta che attesta la partecipazione all’iniziativa creando un legame personale con il bosco che rinascerà. È stato costituito anche un registro che riporta il nome di battesimo e la città di provenienza dei partecipanti al progetto.

Il Museo Ladino di Fassa ha accolto con entusiasmo l’iniziativa che si lega in maniera profonda alla sezione sul territorio de “L Segat / La Silvicoltura” realizzata in collaborazione con l’ASUC negli spazi adiacenti la segheria frazionale di Meida con lo specifico intento di creare uno spazio didattico per raccontare il bosco e i mestieri legati alla lavorazione del legno.

“La sezione staccata di Meida – ha comunicato Daniela Brovadan, conservatrice del museo - si arricchirà anche di immagini e filmati per documentare i danni della tempesta Vaia e la rinascita del bosco”. Per l'occasione è stato proiettato, in anteprima, qualche spezzone del filmato dedicato alla sezione de L Segat. “Lo spazio espositivo di Meida – ha sottolineato ancora Brovadan – è l'occasione per la collettività di approfondire una delle tematiche di grande attualità e importanza oltre a contribuire concretamente al progetto di riqualificazione del bosco, da sempre fondamentale bene comunitario della valle”.

Dall'arte rinascono gli alberi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento