anno 94 - n° 44 - In alto gli occhi
stampa

Orto&Giardino

Raccolta delle melagrane

Le melagrane vanno raccolte quando sono ben mature e prima che la grossa buccia si spacchi e faccia intravvedere i frutti. Per capirlo è sufficiente conoscere il colore della varietà, a buccia rossa classica, o gialla o striata.

Parole chiave: agricoltura (2164)
Melagrane. Foto G. Michelon

Melagrane. Foto G. Michelon

RACCOLTA DELLE MELAGRANE. Le melagrane vanno raccolte quando sono ben mature e prima che la grossa buccia si spacchi e faccia intravvedere i frutti. Per capirlo è sufficiente conoscere il colore della varietà, a buccia rossa classica, o gialla o striata.  Quando i frutti raggiungono questi colori è il tempo della raccolta. Anche la dimensione è un indice di maturazione. La melagrana matura è piena di chicchi succosi. Va da essi estratta la polpa che presenta qualche difficoltà. La tecnica corretta di estrazione dei chicchi è la seguente: tagliare a metà il frutto e incidere la buccia cuoiosa in corrispondenza delle membrane bianche che separano gli spicchi. Una volta aperto il frutto con le mani. Si può mangiare tal quale o facendone spremute da filtrare prima di essere servito. I frutti crepano in pianta per carenza o eccesso di acqua (piogge autunnali intense).

BULBI E FIORITURE. Se il terreno non è gelato si possono ancora piantare i bulbi a fioritura primaverile. Per avere fioriture successive fino a tarda primavera nel trapianto di bulbi seguire questo ordine: bucaneve e crocus fioriscono da gennaio a marzo mesi in cassette profonde 3 cm.; i giacinti saranno in fiore a marzo in cassette e vasi; i narcisi saranno aperti da fine marzo a metà aprile posti in cassette interrati a 5-7 cm. di profondità; muscari e scille fioriscono   ai primi di aprile; i tulipani posti in vasi capienti, coperti da almeno 10 centimetri di terra saranno fioriti per tutto aprile: da metà aprile a metà maggio gli agli da fiore daranno il meglio di sé.

Tutte queste bulbose non richiedono concimazioni o altre cure, ma solo una bagnatura dopo l’impianto e moderata in seguito.

COMPOST DA FOGLIE SECCHE.  In  autunno il giardino si copre naturalmente delle foglie che cadono dalle piante e arbusti che stanno entrando in riposo invernale. Per tanti sono un problema visto che la raccolta può diventare impegnativa. vanno invece considerate una grande risorsa. Possono essere accumulate nella compostiera o in un recinto di rete collocato in zona soleggiata e riparata dal vento. In poco tempo diventeranno un ottimo compost da usare nell’orto o per la preparazione di terricci per piante da fiore in vaso.

Le foglie migliori da compost sono quelle leggere e meno ricche di fibra e cellulosa (vite, quercia, faggio, castagno),  Poco adatte sono le foglie coriacee di alloro e magnolia e quelle di noce, acero e betulla.

Ma le foglie secche sono ottime e consigliabili anche per riparare le aiuole dove sono stati piantati tulipani, narcisi e altri bubi a fioritura primaverile o per pacciamare al piede rose, ortensie e altre piante fiorifere o arbustive del giardino.

Raccolta delle melagrane
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento