Caritas di Trento

Ultimi contenuti per il percorso 'Caritas di Trento'

Domenica 18 settembre la Conferenza Episcopale Italiana (Cei) ha indetto una colletta nazionale per le vittime del terremoto che ha colpito il Centro Italia il 24 agosto. La Caritas di Trento, con la Delegazione Caritas Nordest, avvierà progetti mirati per le singole comunità in grado di costruire anche legami significativi, duraturi nel tempo, come avvenuto in Abruzzo nel dopo terremoto.

Età diverse, volti provati, entusiasmo più o meno celato, nel pomeriggio di festa musicale in Seminario. Sorprese promettenti, come le foglie di primavera (per usare l'immagine del direttore Caritas Roberto Calzà), a formare un gruppone immortalato dal nostro Gianni Zotta.

Ascolto, confronto, condivisione. Per i 200 giovani trentini la “72 ore senza compromessi” è stata anche questo: ascolto delle storie e delle vite delle persone ospitate nelle realtà di accoglienza; confronto con i propri compagni di gruppo; condivisione delle conoscenze e scambio personale.

Ben 200 giovani, da Trento e dalle valli, hanno raccolto la “sfida” lanciata dalla Caritas diocesana di Trento ad essere protagonisti di un progetto di carattere sociale a favore della comunità.

Rimboccarsi le maniche per raggiungere insieme uno scopo, ideare e realizzare un progetto sociale, fare qualcosa di concreto per gli altri, senza compromessi e “fino all’ultimo secondo”. E' lo spirito dell'iniziativa “72 ore senza compromessi”.

Sessanta giovani motivati e carichi di entusiasmo si sono ritrovati nel pomeriggio del 31 dicembre in seminario a Trento per dare ufficialmente il via al“Capodanno Capovolto”, l'iniziativa rivolta a volontari dai 18 ai 28 anni desiderosi di trascorrere la notte di S. Silvestro 2015 in modo diverso e solidale.