vocazione

Ultimi contenuti per il percorso 'vocazione'

Sabato 18 giugno alle ore 15 in Duomo saranno ordinati don Massimiliano Detassis, don Daniel Romagnuolo e fra Francesco Grassi. Domenica 19 don Daniel celebrerà la Prima Messa alle 16 a Levico, don Massimiliamo e fra Francesco alle 10 in Duomo, la parrocchia in cui sono cresciuti. Domenica 3 luglio fra Francesco celebrerà alle 10 la Prima Messa a Lavis. 

Triplice appuntamento di Pentescoste per la Chiesa trentina: sabato sera, nella tradizionale veglia con le associazioni e i movimenti ecclesiali, svoltasi in un ascolto attento della Parola, l'arcivescovo Tisi ha richiamato al valore dell'unità e della valorizzazione dei carismi dati oggi alla Chiesa. Il respiro ecumenico si è avvertito nella celebrazione di lunedì sera al Vigilianum con un momento di preghiera condiviso dalle varie riflessioni. Domenica, invece, al centro della solennità in Duomo tre giovani del seminario diocesano presentatisi con il rettore e la comunità di corso Tre Novembre per il rito di ammissione come aspiranti al sacerdozio.

La solennità di Cristo Re, la giornata del Seminario, l'incontro diocesano degli animatori di oratorio, i cori in festa per la patrona Santa Cecilia: molti motivi si sono intrecciati nell'Eucaristia di domenica scorsa in Cattedrale durante la quale l'Arcivescovo Bressan ha imposto le mani sul capo dei due nuovi diaconi: Massimiliano Detassis, 30 anni di Trento, parrocchia di San Vigilio, e Daniel Romagnuolo, 27 anni di Levico Terme.

La comunità dei seminaristi trentini ha iniziato l'anno di scuola con un pellegrinaggio a piedi, da Assisi a Loreto, per pregare sui luoghi più significativi della vita di San Francesco. Sei tappe per complessivi 130 chilometri.

Dal Trentino anche quest’anno sono in molti – circa 180 - i ragazzi partiti per un'esperienza di spiritualità a Taizè, accompagnati da don Luigi Giovannini, parroco di Rovereto, che da 15 anni tutte le estati propone questa esperienza.