missione

Ultimi contenuti per il percorso 'missione'

Mario Borzaga aveva il temperamento e il fisico dei montanari. Era nato a Trento nel 1932, il più giovane di 4 figli, e nella sua città era entrato in seminario. A vent'anni si unisce ai missionari Oblati di Maria Immacolata. Poi alla fine del '57 la partenza per la missione del Laos.

Laos è un nome evanescente e ben pochi riconoscono la sua collocazione nell’atlante asiatico. Conta circa 6,5 milioni di abitanti; ha monumenti antichissimi, templi caratteristici, fauna e flora attraenti. Era conosciuto come “Lan Xan Hom Khao” ossia Regno del milione di elefanti.

"L'amore di Cristo ci possiede, diceva S. Paolo, e questo è un verbo pregnante, per capirne il significato ne occorrono tre: ci avvolge, coinvolge, travolge!". Sono quelli ricordati da padre Gabriele Ferrari come motivo ispiratore di ogni azione missionaria intesa non come un dovere ma un bisogno che nasce dal cuore nel suo intervento all'assemblea degli animatori missionari, svoltasi sabato 22 ottobre nell'aula magna del Seminario maggiore di Trento.

Fra i numerosi scritti che arrivano ogni settimana al Centro Missionario abbiamo scelto quella di suor Rosetta Benedetti che opera a Chisinau in Repubblica di Moldova.

I volontari operano in Tanzania nella realizzazione di opere a scopo sociale: acquedotti, asili, scuole, dispensari. “Progetti nati valutando i bisogni locali, ascoltando i missionari e le suore, ma soprattutto le persone che vivono in queste realtà disagiate”, dice il neopresidente Brigà”

Vedere, fermarsi, toccare. Attorno a questi tre verbi ha ruotato la riflessione della Veglia missionaria che ha richiamato sabato scorso in un Duomo gremito missionari, gruppi missionari ma anche famiglie, singoli venuti da tutto il Trentino per il consueto appuntamento diocesano di ottobre.