sci

Ultimi contenuti per il percorso 'sci'

Anticipo di stagione in Fiemme e Fassa grazie alle temperature sotto lo zero che caratterizzano il mese di novembre. La produzione di neve programmata è assicurata da un rosario di cannoni da neve visibili specialmente di notte a bordo pista.

"Ski Spirit. Sciare oltre le piste" (Alpine Studio, 2016) racconta le avventure compiute nell'arco di 30 anni da Giorgio Daidola, alpinista, giornalista e docente universitario torinese, trentino d'adozione, che ha scoperto il mondo sugli sci con la tecnica del telemark.

Fino a che età si può sciare? A quanto pare non ci sono limiti. Secondo i dati forniti dagli uffici del Superski Dolomiti sono 158 gli ultraottantenni, ovvero nati dal 1° gennaio 1936, che hanno acquistato per l'inverno 2015 – 2016 un abbonamento stagionale valido su tutte le piste del grande carosello sciistico. Altri 107 sono in possesso di un pass solo valligiano.

Un'amicizia nata tra i banchi di scuola si è trasformata in una decisiva intesa su pista. E così la coppia formata da Giacomo Bertagnolli, ipovedente dalla nascita, e Fabrizio Casal, sua guida nello slalom, ha matematicamente conquistato la Coppa del Mondo assoluta di sci alpino paralimpico nella categoria “visually impaired”, cioè ipovedenti.

Tra le numerose gare di scialpinismo in notturna spicca sabato 30 gennaio la “Vertical Dosso Trofeo Tony Masè” in val Rendena che è diventata di richiamo internazionale entrando nel circuito Tour Vertical Up 2016.

La storica granfondo delle valli di Fiemme e Fassa si arricchisce di novità, tra le quali la Marcialonga Baby che coprirà l’unica fascia d’età finora mancante. Non sarà sommersa dalla neve, ma dalle novità la 43ª Marcialonga di Fiemme e Fassa, in programma domenica 31 gennaio.

Lo sport bianco si è fatto anche storia, proposta culturale. “Semplice…mente NEVE” è il titolo della mostra sullo sci allestita fino al 3 aprile a Lavarone-Gionghi nella sala esposizioni della Magnifica Comunità degli Altipiani Cimbri.

La “classica” di Fiemme e Fassa, con le sue ricadute sociali e anche economiche, rappresenta un modello ora “moltiplicatosi” in tante altre manifestazioni invernali “popolari”.

La formula è semplice ed efficace: al costo di uno skipass adulto, tutti i figli minorenni sciano gratis. E le famiglie mostrano di apprezzare. Alla sesta edizione, “Ski Family in Trentino” ha riscosso un successo crescente. Lo dimostra il costante aumento del numero di famiglie che hanno scelto questa formula: l’anno scorso sono stati 1.720 i voucher venduti.