teatro

Ultimi contenuti per il percorso 'teatro'

Dalla Rovereto veneziana a quella devastata e spopolata durante la Prima guerra mondiale, vista con gli occhi, i testi e i dialoghi dei bambini delle medie e dei ragazzi delle superiori: con un itinerario teatralizzato gli studenti roveretani hanno imparato e raccontato la storia della città

Al teatro di Gardolo l'esordio di Migrantes, spettacolo nato da un laboratorio interculturale. Sul palco rifugiati e studenti.

Il teatro di Cavalese potrebbe tornare ai fasti del passato tra il 2019 e il 2020. Il condizionale è d’obbligo trattandosi di opere pubbliche soggette a una lunga trafila burocratica, ma il sindaco Silvano Welponer è ottimista..

Ha debuttato a Pergine l'11 e il 12 novembre lo spettacolo “Son partito giallonero e ritorno tricolor”, lavoro scritto da Claudio Morelli che ha vinto la 16^ edizione del 16° concorso Co.F.As. “Atti unici”. Un'operazione culturale di ampio respiro, che non solo si è ben inserita nelle manifestazioni per i cent'anni della Prima Guerra mondiale, ma che ha messo assieme per la prima volta le forze delle quattro Federazioni culturali trentine Co.F.As. – Corpi Bandistici – Cori – Fe.C.C.Ri.T. Ne è uscito uno spettacolo corale intenso, che i registi Elena Galvani e Jacopo Laurino hanno valorizzato anche con il ricorso alla proiezione di numerose immagini e video di cent'anni fa. Lo spettacolo, dopo Pergine viene presentato all'auditorium di Trento e allo Zandonai di Rovereto.

Prospettiva quasi certa. Alla fine della quarantina di repliche previste gli attori già complessivamente filiformi, (tolte un paio di eccezioni “di peso”), rischieranno l’estinzione fisica.   Per l’inconsueto esercito di interpreti de “La Cucina” - il lavoro di Arnold Wesker con cui Marco Bernardi ha battezzato martedì sera nel debutto al Cuminetti la neonata Compagnia regionale di prosa - il movimento è un delirio.

"Vivo. Per un teatro del presente" è la nuova iniziativa editoriale lanciata da tre realtà consolidate nel panorama culturale e artistico locale come Teatro Portland, ariaTeatro (Teatro di Pergine e Teatro di Meano) ed EstroTeatro.

Il "Cirano di Bergerac" portato da Corrado d'Elia e dalla sua compagnia teatrale sul palco dell'Auditorium S. Chiara di Trento - gremito - sabato 8 ottobre nell'ambito della tre-giorni dedicata all'"Utopia dell'amore" prevista nel programma culturale di "Utopia500".

Laura Curino ha portato a Trento uno spettacolo che spiega bene quella industria totale, l'Olivetti, che coincideva con una città, Ivrea, e ha dato origine a un sogno non più ripetuto e forse non più ripetibile, ma certamente possibile.

Il personaggio di Lisistrata, nato dalla penna di Aristofane, evidenzia, attraverso uno sciopero del sesso che coinvolge le donne greche, l'assurdità della guerra del Peloponneso del V secolo a.C.

Lisistrata, cacciando dall'acropoli, dalle case e dai letti gli uomini che partecipano alla guerra, vuole costringerli a firmare la pace tra Atene e Sparta. Martedì 12 luglio, nel teatro di Tenna, Maura Pettorruso e Stefano Detassis hanno messo in scena la “Lisistrata” con l'aiuto di Pras Band, del Coro Arnica e della Filodrammatica La Busier. Lo spettacolo s'inserisce nel circuito di “Sentinelle di pietra”.