Scelte di fondo
stampa

Editoriale

Passo dopo passo

Sono tanti capitoli di un'appassionante epopea quelli raccontati in questo numero di Ferragosto. La strada va percorsa e gustata, assaporando doni e sorprese, gustandosi il silenzio e il ristoro della sosta.

Parole chiave: strade (33), territorio (14305)

Sono tanti capitoli di un'appassionante epopea quelli raccontati in questo numero di Ferragosto: le strade scavate con la fatica nella roccia del Ponale o del Menadòr, sospese dentro la forra del Limarò o sul viadotto di Ponte Alto, a superare i rischiosi tornanti dei Crozi. Un cantiere lento e diffuso, che ha accorciato le distanze e unito il Trentino, aprendolo al mondo.

Infatti, come osserva l'arcivescovo emerito Luigi Bressan nel suo personale contributo “le strade sono le venature del tessuto sociale, capaci di ampliare i contatti e di far crescere le comunità, allargando gli orizzonti”.

Ma questa monografia non vuole solo saldare almeno in parte un debito di riconoscenza alla lungimiranza di tenaci “apripista” - amministratori ma anche ingegneri e operai, cantonieri e “stradini” - che hanno sottratto all'isolamento le valli trentine. Vuole essere anche uno stimolo a non dimenticare l'esigente equilibrio con il paesaggio naturale, a valorizzare le meno impattanti autostrade digitali, a non sacrificare il territorio sull'altare della velocità a tutti i costi.

La gradualità che ricorre nelle tappe di questo racconto caratterizza anche il significato metaforico di ogni strada, sedimentata nei mille proverbi della tradizione popolare e rilanciata dai brani musicali di tanti moderni cantautori, che pure punteggiano queste nostre pagine.

La strada – come insegnava don Giorgio Basadonna nella sua ormai nota “spiritualità”, da manuale non solo scout - può anche far paura, ma va preparata con attenzione, alleggerendo l'animo e lo zaino da quanto ancora pesa. La strada va percorsa e gustata, assaporando doni e sorprese, gustandosi il silenzio e il ristoro della sosta. La strada va anche ripercorsa e rivista, riconoscendone i frutti e gli incontri, riflessi di Dio.

Passo dopo passo, dunque. A scoprire che “la strada diventa l'immagine per descrivere lo stile del cristiano che sull'esempio di Gesù è chiamato a fare strada per diventare strada, buona strada”, come rileva il biblista don Stefano Zeni.

Vale per la giovane mamma di Nazareth, Maria, che celebriamo il 15 agosto: Lei che ci indica la Via perchè ha saputo accogliere il Verbo e si è fatta anche fisicamente “strada” per farlo arrivare agli uomini. La tradizione mariana – suggellata nei dogmi ottocenteschi – è arrivata a definire in questo senso Maria “via della verità” e “via della bellezza”, con due accezioni che potremo riscoprire in questo Ferragosto mariano.

Buona strada!

Passo dopo passo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento