L’Anffas… raddoppia!

Inaugurati i nuovi spazi al primo piano dell'edificio della Fondazione Romani

È la seconda comunità alloggio dell'Anffas in Valsugana. Dopo quella di Villa Agnedo, ora otto utenti hanno disposizione i nuovi spazi realizzati al primo piano dell'edificio della Fondazione Romani a Borgo. Il tema della residenzialità è divenuto sempre più sentito dalle famiglie dei ragazzi che frequentano i diversi centri della zona. Non solo per l’invecchiamento dei genitori, anche per la voglia di indipendenza ed autonomia che le persone con disabilità provano.

Nello stesso edificio, dal 2004 è presente, al quarto piano, il Centro Socio Educativo. Ora i nuovi spazi con diverse stanze, cucina-soggiorno e servizi vari, un investimento di quasi 160 mila euro. Era il 1985 quando l'Anffas aprì il primo centro diurno in via Bonomo, sei le persone con disabilità inserite. Oggi, oltre alla nuova comunità alloggio, in zona ci sono altre quattro strutture.

Oltre al Centro Socio Educativo (18 utenti e 15 dipendenti, diversi di loro a part-time), anche un Centro Occupazionale con 16 ospiti e uno di Formazione Professionale (8 allievi) a Borgo. Una seconda comunità alloggio è presente, in località S.B.V. della Mercede, con 7 ospiti, a Villa Agnedo.

Tanta gente all'inaugurazione, nel cortile della struttura. Con il sindaco di Borgo Fabio Dalledonne anche il presidente dell’Anffas del Trentino Luciano Enderle e il direttore generale Massimiliano Deflorian, soddisfatti per il risultato raggiunto e per il servizio reso, anche attraverso la presenza di molti volontari, dall'associazione sul territorio. “Qui – hanno ricordato – abbiamo trovato tutte le condizioni ideali per garantire alle persone che seguiamo una vita felice e di qualità”.

I nuovi locali sono stati benedetti dal parroco don Daniele Morandini con i ragazzi dell’Anffas che, da tempo, interagiscono con i bambini della scuola materna (si trova nello stesso edificio), con gli allievi della scuola di cucito e le attività commerciali di Borgo. “Voglio ringraziare tutti coloro che ci sono vicini – ha concluso Enderle – gli enti pubblici e le realtà cooperative di credito e di consumo. Ma anche la gente comune che oggi ha voluto testimoniarci amicizia e vicinanza”.

Attorno alla disabilità si è creata una fitta rete solidale fatta di tanta gente comune, gruppi e associazioni. Frutto anche del lavoro, messo in campo fin dal 1985, dal Genitore Responsabile Alice Rosso. Al taglio del nastro anche il vicepresidente della Comunità Giuliana Gilli e la responsabile del Setto Socio Assistenziale Maria Angela Zadra. Nella nuova comunità alloggio di Borgo gli ospiti sono tutte persone con un buon grado di autonomia, seguiti da due operatori, di giorno, ed uno di notte. Responsabile del Centro Anffas di Borgo è Marek Jurng.

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina