Festa dei lavoratori e infortuni sul lavoro, il Papa e i vescovi: “Dal dramma alla cura”

Il messaggio dei vescovi italiani e del Papa per il 1° maggio: “Dal dramma dei morti sul lavoro alla cura”

“La Chiesa che è in Italia non può distogliere lo sguardo dai contesti di elevato rischio per la salute e per la stessa vita alle quali sono esposti tanti lavoratori. I tanti, troppi, morti sul lavoro ce lo ricordano ogni giorno”, scrivono i vescovi italiani nel messaggio per il 1° maggio, dal titolo: “La vera ricchezza sono le persone. Dal dramma delle morti sul lavoro alla cultura della cura“.

Il giorno del 1° maggio infatti, festa dei lavoratori, un pensiero va a chi sul luogo di lavoro ha perso la vita o è rimasto infortunato. Un vero dramma anche nei numeri: si stima che ogni giorno nel mondo 6.300 persone muoiano a causa di incidenti sul lavoro o malattie professionali, causando più di 2,3 milioni di morti all’anno. Lo ha ricordato l’Ilo, l’Organizzazione internazionale del lavoro, in occasione della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, celebrata il 28 aprile.

Infortuni in Italia

Da inizio anno a tutto il 31 marzo, in Italia secondo l’ Inail si sono registrate 189 morti sul lavoro contro le 184 dei primi tre mesi del 2021 (+2,2%) e le 166 dello stesso periodo de 2020; mentre nel complesso le denunce di infortunio sono state 194.106, in aumento del 50,9% rispetto alle 128.671 del 2021.

Papa e vescovi all’unisono: “Dal dramma alla cura”

“Lavorare in sicurezza permette a tutti di esprimere il meglio di sé guadagnando il pane quotidiano – il tweet di Papa Francesco sul suo account @Pontifex -. Più curiamo la dignità del lavoro e più siamo certi che aumenterà la qualità e la bellezza delle opere realizzate“.

Qui il messaggio completo dei vescovi per la festa dei lavoratori. 

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina