donne

Ultimi contenuti per il percorso 'donne'

L'Unicef, nella Giornata internazionale della donna, lancia la campagna #8marzodellebambine con un nuovo rapporto sulla situazione dell'infanzia nel mondo e con il video “Posso essere quello che voglio”. Sono 600 milioni nel mondo le ragazze che hanno la potenzialità per dare vita a importanti cambiamenti, ma ogni giorno molte di loro incontrano barriere che ostacolano questo percorso.

Nella Giornata mondiale di preghiera per la pace, voluta da papa Francesco venerdì 23 febbraio e destinata in particolare all’Africa, in cattedrale a Trento è risuonata la testimonianza di suor Maria Martinelli.

Domenica 27 agosto, nel piccolo comune di Magasa in Valvestino (120 abitanti), grande festa per l’inaugurazione del monumento dedicato alle donne lavoratrici della Grande Guerra. È stato realizzato dallo scultore Angiolino Haime di Salò e posto all’inizio del paese dove l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Federico Venturini ha realizzato il nuovo parcheggio pubblico.

La violenza sulle donne non conosce confini, è diventato un fenomeno sociale dilagante. In occasione della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre), la Provincia di Trento ha organizzato eventi sul territorio per dire di no alla violenza di genere.

Tra Lavis, Zambana e Pressano, cinque appuntamenti tra settembre e ottobre anticipano le due giornate conclusive del 122° Congresso generale SAT. “Montagna al femminile” il tema scelto, quest'anno, dalle tre sezioni organizzatrici

Donne semplici, schiette, coraggiose. Donne d'impresa, ricercatrici, madri che lottano caparbiamente per realizzarsi in famiglia e nel lavoro. Donne che con tenacia, sacrificio, entusiasmo e gioia di vivere sanno trasformare in realtà aspirazioni e passioni. Forti come le radici di un albero, come il silenzio operoso di chi lotta per i propri diritti, come la speranza e la freschezza di giovani diciassettenni che saranno le donne del domani.

Anche il Trentino non è immune dal fenomeno del femminicidio, come ha evidenziato Alessia Silvi, pubblico ministero presso la Procura della Repubblica di Trento nel dialogo a due voci insieme a Lidia Maggi, biblista e pastora battista, dedicato a "Le donne e la violenza maschile: diritti e rovesci" svoltosi nella chiesa, piena, di S. Carlo mercoledì 18 maggio.

Otto donne. Cinque continenti. Da Trento a Gerusalemme, e ora verso il mondo. Il cammino della pace, a volte sotterraneo e invisibile, poi affiora in superficie con tutta la sua forza trasformatrice e Trento è sempre più cuore propulsore di un appello al dialogo e alla convivenza affidato ora alla voce di "Donne di fede per la pace".

L'esperienza, avviata nel 2009 da un gruppo costituitosi a Trento composto da donne leader nelle comunità religiose della Terra Santa - ebrea, cristiana, musulmana -, torna dal 9 al 15 ottobre con un'edizione speciale su iniziativa della Cei-Conferenza Episcopale Italiana, Ufficio Nazionale per l'Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso, delle Arcidiocesi di Trento e Bolzano, della Provincia autonoma, della Regione e del Comune di Trento (vedi box).

Dal capoluogo si sposterà a Bolzano e Roma, in un ideale ponte di comunione tra città che poi si protenderà oltre l'Italia e l'Europa per raggiungere altri Paesi nel mondo e proseguire un dialogo che mira a far germogliare anche in zone di conflitto il seme della pace.