Gemellaggio alpino

I gruppi alpini di Garniga Terme e Monteviasco (Varese) sono gemellati. Un patto sancito a Curiglia con Monteviasco sulle note dei cori trentini

I gruppi alpini di Garniga Terme e Monteviasco (Varese) sono gemellati. Patto sancito nel festoso incontro di domenica 19 giugno a Curiglia con Monteviasco, paese di confine con la Svizzera (Canton Ticino) durante i festeggiamenti del 60° anniversario della costituzione del gruppo alpino lombardo.

Più di 80 i trentini presenti in questo caratteristico paesino (ci si arriva solo a piedi o in funivia), unico centro della Val Veddasca, vicino a Luino, selezionato tra i borghi più belli d’Italia. Ai festeggiamenti, partiti ancora sabato 18 giugno, dopo un’escursione culturale organizzata dal Cai di Luino, hanno preso parte il Corpo musicale di Curiglia, il coro Città di Luino diretto da Riccardo Bianchi e il coro Tre Cime di Cimone rafforzato dal coro amico Stella del Cornet diretto da Gabriele Baldo e Luigi Forti e presentato da Antonio Maule, che hanno dato un concerto itinerante per le vie del paese, in particolare alla fontana, al capitello, al santuario e nella piccola piazza. Successivamente i cori di Luino e Cimone si sono esibiti in chiesa e la cena è stata servita quasi a mezzanotte.

Il giorno seguente, alla presenza dei cori, c’è stata la sfilata degli alpini verso il monumento ai Caduti, l’alzabandiera, la celebrazione della messa officiata dal cappellano militare don Franco Berlusconi, la lettura della preghiera dell’alpino, la lettura dei nomi dei caduti delle due guerre, la benedizione del nuovo gagliardetto e il patto di gemellaggio sancito fra i due gruppi alpini dai rispettivi capigruppo.

“Siamo in questo modo certi di rinsaldare i fecondi rapporti che legano le nostre comunità di montagna”, ha detto il capogruppo Orazio Morandi alla presenza, tra gli altri del presidente della sezione Ana di Luino Michele Marroffino e del sindaco di Curiglia con Monteviasco Ambrogio Rossi. L’ospite Sergio Coser, invece, ha evidenziato “come questo gemellaggio sia il coronamento del legame che ci unisce a voi e potremo intensificare i nostri rapporti anche in vista dell’adunata nazionale degli alpini che la sezione di Trento organizzerà nel 2018 in occasione del centenario di fine Guerra Mondiale”.

Per tutti rancio alpino di commiato con una raccomandazione che Renzo Franceschini, corista e presidente della commissione rifugi della Sat di Trento, ha inteso indicare alla popolazione ed amministratori: “Difendete con i denti, se serve, questa vostra caratteristica e incontaminata perla ambientale”.

La regia curata in prima persona da Lucia Cassina (con il fratello Antonio) grande amica del “Tre Cime” e ormai “cittadina onoraria” di Garniga Terme, ma anche da Pierangelo Rossi (presidente del coro di Luino), da Remo Piffer e Ivano Coser (presidente e vice del coro di Cimone), ha creato un’atmosfera meravigliosa difficile da descrivere se non vissuta direttamente. Arrivederci a Garniga Terme fra due anni.

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina