In Trentino un focolaio Covid nato da un funerale

Un’operatore sanitario attivo nei reparti Covid. Foto Piero Falco per Apss

Durante la conferenza stampa di oggi per fornire gli ultimi aggiornamenti disponibili sulla situazione dei contagi da Sars-CoV-2 in Trentino, il presidente della Giunta provinciale Fugatti ha richiamato i cittadini al rispetto delle regole, soprattutto in vista della prevista riapertura degli impianti sciistici.

“Non possiamo non guardare cosa succede in altri territori”, ha detto Fugatti, citando l’esempio dell’Austria: “Riusciremo a gestire questa situazione maggiore sarà il grado di responsabilità che abbiamo come popolazione. Non posso non dire che nei giorni scorsi c’è stato un focolaio nato all’interno di un funerale, non all’interno della funzione, ma in quello che è accaduto dopo. E questo perché le regole non sono state rispettate”.

“Come spesso accade al termine delle esequie del defunto i parenti si sono recati presso l’abitazione, un luogo stretto con tante persone. Il risultato è stato che abbiamo dieci persone positive, nessuna delle quali è grave, per ora, ma è la dimostrazione di come il virus continui a circolare e bisogna stare attenti ed evitare assembramenti in luoghi chiusi”, ha spiegato quindi Giancarlo Ruscitti, responsabile del Dipartimento salute e politiche sociali della Provincia.

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina