Un anno di noi. L’Azienda sanitaria omaggia gli operatori anti-Covid

Il 1° marzo ci sarà un incontro con la commissione salute per affrontare il tema dei sanitari non vaccinati

Ad un anno dal primo ricovero di un paziente Covid nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Santa Chiara di Trento, l’Azienda sanitaria trentina ha deciso di omaggiare gli operatori che in questi 365 giorni caratterizzati dalla pandemia hanno dedicato i loro sforzi per contrastare il virus, condividendo i pensieri del personale del reparto.

“Noi che qui lavoriamo, vogliamo ricordare chi è tornato a casa guarito, chi purtroppo non ce l’ha fatta e tutti noi operatori sanitari e di supporto che in malattie infettive abbiamo combattuto ininterrottamente fino al 14 luglio, quando è stato dimesso l’ultimo paziente della prima ondata.

Noi che nostro malgrado siamo stati pronti in prima linea quando il 2 agosto abbiamo ricominciato ad accogliere pazienti Covid che sono andati via via aumentando nel corso del mese fino ad arrivare al 10 settembre con ricoverati nuovamente tutti pazienti Covid. Possiamo dire che da qui è partita a tutti gli effetti la seconda ondata tutt’ora in corso, costringendo via via la riapertura dei vari reparti Covid già da ottobre.

Noi che siamo a fianco e ci sentiamo uniti ai nostri colleghi di tutti i reparti Covid della provincia di Trento che ogni giorno, appunto da ottobre, operano nel miglior modo possibile pur con i limiti che questa pandemia impone, cerchiamo di non mollare e di andare avanti con fiducia e con la speranza che finalmente un giorno si possa mettere la parola fine a questo difficile momento.
C’eravamo, ci siamo e ci saremo”.

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina