Orso M57, il Consiglio di Stato dà ragione agli animalisti

L’orso M57 appena catturato

Esultano l’Ente nazionale protezione animali (Enpa) e l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) per la posizione espressa ieri pomeriggio dal Consiglio di Stato che ha emesso una nuova sentenza relativa alla detenzione al Casteller dell’orso M57, ribaltando il pronunciamento del Tar di Trento e dando ragione al ricorso delle due associazioni.

Il Consiglio di Stato ha affermato che “La Provincia di Trento, consultata preventivamente l’Ispra, nell’esecuzione della presente sentenza dovrà pertanto valutare se le condizioni attuali dell’esemplare M57 abbiano inasprito l’aggressività dello stesso al punto da suggerire l’adozione di misure diverse dalla sua liberazione. In particolare, nell’ottica della tutela dell’incolumità pubblica ispirata al principio di proporzionalità e della tutela delle condizioni dell’animale come garantita dalle fonti primarie (anche di rango comunitario), l’Amministrazione, con il ridetto supporto istruttorio, in sede di esecuzione della presente sentenza dovrà valutare se – avuto riguardo alle accertate condizioni, e ove sussistente al reale livello di pericolosità dell’esemplare – sia praticabile la liberazione con radiocollare, ovvero la soluzione analoga a quella in precedenza adottata per l’esemplare DJ3 (di cui dà conto la stessa Provincia appellata a pag. 12 della memoria di replica, dichiarando di non opporsi ad essa)”.

“Una sentenza storica”, affermano Enpa e Oipa, “di altissimo profilo, che riconosce la validità delle nostre posizioni. Una sentenza che entra finalmente nel merito investigando approfonditamente un evento finora affrontato in maniera frettolosa e superficiale. Noi faremo la nostra parte, seguendo con attenzione la risposta concreta della Provincia autonoma di Trento”.

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina