L’apicoltura piace anche ai giovani

Apicoltura e territorio vanno a braccetto: entra nel vivo il progetto di recupero delle aree dismesse e dei terreni marginali, realizzando coltivazioni adatte all’alimentazione del prezioso insetto

La Comunità della Vallagarina a fianco degli apicoltori perché, assieme a loro, si vuole puntare ad aumentare la produzione agricola, creare occupazione per i giovani, favorire il dialogo e la conoscenza per difendere le api e altri insetti, importanti sia per l’uomo che per l’agricoltura.

È questo, infatti, l’obiettivo del progetto “Api e territorio” che sta entrando nel vico e a cui, oltre alla Comunità, hanno aderito 10 comuni lagarini (Ala, Avio, Brentonico, Mori, Ronzo Chienis, Nogaredo, Villa Lagarina, Isera, Terragnolo e Trambileno). Concretamente si procederà al recupero delle aree dismesse e dei terreni marginali, sia in alta sia in bassa quota, realizzando coltivazioni adatte all’alimentazione delle api.

“Il progetto prevede il coinvolgimento di dieci comuni della Vallagarina per la fase di monitoraggio e assegnazione dei terreni abbandonati da bonificare”, spiega Roberto Bettinazzi, assessore della Comunità all’ambiente. “Aree che saranno poi lavorate con varietà di piante arbustifere e da fiore. Ora stiamo cercando le risorse per acquistare nuove arnie, ma puntiamo soprattutto sulla messa in rete delle due associazioni di apicoltori coinvolte”.

Ed è soprattutto sui giovani, attraverso l’organizzazione di vari corsi ed incontri di formazione, che le due associazioni Apicoltori in Vallagarina e Apicoltori trentini, coinvolte nel progetto, vogliono puntare per creare poi dei piccoli apicoltori sparsi per tutto il territorio. Un po’, come Alberto Aste, un giovanissimo apicoltore, classe ’89, che un mattino di tre anni fa è stato attratto da un piccolo trafiletto sul giornale in cui si pubblicizzava un corso per imparare i primi ingranaggi dell’apicoltura.

Detto fatto, e da lì è nata una passione. “All’inizio non è andata troppo bene, le prime api mi sono morte subito, anche a causa dei pesticidi utilizzati, oggi sempre più nocivi per questi insetti”, spiega il giovane agricoltore che, nel tempo libero, si dedica alle sue api. “Poi da un alveare sono passato a sette e, grazie anche all’associazione Apicoltori in Vallagarina, ho imparato piano, piano a creare le mie arnie, e a produrre il mio primo miele”.

Alberto è tra i più giovani, ma come lui anche altri, tra cui varie donne, si stanno appassionando all'apicoltura, spiega Fausto Zeni, presidente di Apicoltori in Vallagarina. “L’ultimo corso che abbiamo avviato conta 45 iscritti, tra cui 17-18 donne, e 28 persone provenienti dalla Vallagarina”, spiega Zeni. “L’interesse per questi insetti dunque c’è, e attira molti giovani: ecco perché ci piacerebbe aprire un apiario collettivo dove fare formazione e dove tutti, soprattutto coloro che non hanno spazio a disposizione, possano tenere le loro arnie”.

Ma se da una parte alcuni Comuni nel pensare ad un apiario sono andati subito con la mente al problema orso, che ultimamente si aggira nella nostra valle, il presidente Zeni risponde così: “In realtà proprio la costruzione di un apiario potrebbe rappresentare una buona ipotesi di collaborazione tra gli apicoltori ed il servizio foreste e fauna della provincia per realizzare e sviluppare un’area con nuove forme di protezione dai plantigradi”.

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina