Le Acli presentano una “guida agli aiuti in caso di invalidità e disabilità”

Le Acli Trentine hanno presentato il vademecum con i servizi per le persone con disabilità

“Una sorta di guida pratica per cittadini consapevoli dei propri diritti”. Così Luca Oliver, presidente delle Acli Trentine, definisce il vademecum informativo “Salute e diritti: la guida agli aiuti in caso di invalidità e disabilità”.

La guida è stata presentata oggi, lunedì 6 giugno, in conferenza stampa. Come ha aggiunto Oliver, è anche “la conferma di un impegno di un sistema di servizi che individua i problemi e le diverse situazioni di vita e di difficoltà per organizzare una risposta completa ed esaustiva nell’interesse dell’utente e delle famiglie coinvolte”.

Il vademecum risponde alle domande su agevolazioni per disabilità o invalidità, misure previdenziali e di welfare, detrazioni e deduzioni. Sono domande che vengono poste quasi quotidianamente agli operatori dei servizi delle Acli Trentine; da oggi questi quesiti troveranno una risposta più sistematica.

“Per agevolarne la comprensione – ha proseguito Andrea Giampiccolo, responsabile dell’Area formazione e studi del Patronato Acli – abbiamo suddiviso il vademecum in situazioni di vita poiché i benefici spettanti variano a seconda della propria condizione: la prima sezione è dedicata alle persone con invalidità o disabilità in generale; la seconda ai lavoratori/lavoratrici; la terza a chi ha dovuto cessare il lavoro a causa della propria situazione; la quarta a chi si è infortunato o ammalato sul lavoro o mentre stava andando al lavoro; la quinta ai familiari di una persona con invalidità o disabilità. Ad ogni situazione di vita corrisponde un elenco di misure previste a livello nazionale e provinciale, con una descrizione dei requisiti per accedervi. Un lavoro importante poiché la prima barriera da superare è quella della conoscenza; ci capita, infatti, di entrare in contatto con persone che non sono a conoscenza dei diritti che gli spettano”.

È intervenuta alla conferenza stampa anche Graziella Anesi, la presidente della Cooperativa Handicrea, leader in Trentino del movimento per l’emancipazione delle persone disabili. Anesi ha ricordato che queste categorie sociali rappresentano ormai il 4-5% della popolazione, con percentuali in crescita per quanto riguarda le fasce più anziane. “Il processo di emancipazione di queste persone – ha detto – riguarda pertanto tutta la società ed iniziative come quella presentata stamane possono sicuramente contribuire a creare una rete di relazioni per migliorare i servizi e supportare adeguatamente le famiglie. Tuttavia è necessario un impegno e una vigilanza continui contro l’indifferenza e per il superamento sia dei pregiudizi sia delle barriere che ancora si frappongono ai diritti di cittadinanza della persona disabile”.

Il vademecum presentato oggi non rimarrà un unicum, anzi. Michele Mariotto, direttore di Caf Acli, ha spiegato che “questa iniziativa si inserisce in un progetto più ampio, volto a realizzare una vera e propria collana di vademecum informativi in cui vengono affrontate tematiche diverse e di interesse per il cittadino”.

“Il vademecum di oggi era stato preceduto da una prima pubblicazione dedicata al mondo della genitorialità – ha concluso Mariotto -, che verrà aggiornata nel corso dell’estate con le nuove misure introdotte nel 2022, come l’Assegno unico e universale per i figli”.

“Salute e diritti: la guida agli aiuti in caso di invalidità e disabilità” è disponibile in versione digitale sul sito aclitrentine.it, nella sezione “Elenco documenti”, oppure in versione cartacea nelle sedi del Patronato Acli e di Caf Acli.

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina